Consigli per le donne

Perché il conflitto Rhesus si verifica durante la prima o la seconda gravidanza

Pin
Send
Share
Send
Send


Molti hanno sentito che a volte il conflitto Rh si verifica durante la gravidanza e che questo può essere molto disastroso per il bambino. È davvero così?

Per capire l'essenza del conflitto Rhesus, è necessario approfondire un po 'le proprietà dei principali portatori del fattore Rh - globuli rossi (globuli rossi).

È stato notato che quando si mescola il sangue di una persona con il sangue di altre persone, i globuli rossi possono attaccarsi insieme (agglutinare) in piccoli grumi. Tuttavia, alcuni tipi di sangue quando miscelati non hanno dato una tale reazione. È stato trovato che negli eritrociti ci sono sostanze speciali - agglutinogeni e nel plasma sanguigno - agglutinine.

Oltre agli agglutinogeni, sono state trovate altre sostanze negli eritrociti, che sono stati chiamati fattori Rh. Il sangue di una persona che ha un fattore Rh, si chiama Rh-positivo, e, al contrario, su sangue in cui non vi è alcun fattore Rh, si dice che sia Rh-negativo.

Ci sono poco più del 15% di queste persone Rh-negative nel mondo. Alla prima trasfusione di sangue del gruppo corrispondente, ma senza tener conto del fattore Rh, non si verificano cambiamenti visibili nel corpo. Nel frattempo, sostanze specifiche (emolisine) sono prodotte attivamente nel sangue, che, quando ri-trasfuso con il sangue, causa una massiccia adesione dei globuli rossi con lo sviluppo di uno shock trasfusionale.

Approssimativamente la stessa situazione si verifica in una donna con sangue Rh negativo, che è incinta di un feto Rh positivo. Secondo le leggi della genetica, il feto eredita il fattore Rh del padre o della madre. Se il feto riceve dal sangue Rh positivo, e mentre la donna non ha il fattore Rh, c'è una condizione chiamata Rh-conflitto. In realtà, il sangue negativo alla madre della madre combatte il sangue positivo al rhesus del feto, e produce sostanze immunitarie - anti-Rhesus-agglutinine.

A proposito, se il feto ereditasse un Rh negativo dalla madre, allora il conflitto Rh non si sarebbe sviluppato. Lo stesso è vero se il bambino è Rh negativo e la madre Rh positivo.

Esistono anche tabelle speciali in cui vengono prese in considerazione tutte le varianti dell'ereditarietà del fattore Rh e dei gruppi sanguigni dei genitori. Queste tabelle aiutano i medici a determinare la probabilità di conflitto di Rhesus e predire lo sviluppo di questa patologia.

Se la donna ha la prima gravidanza, allora le agglutinine antireurs producono una piccola quantità e non c'è alcun danno significativo al feto. Ma con ogni successiva gravidanza, il livello di sostanze immunitarie nel sangue della madre aumenta. Entrano nella placenta e oltre, nel flusso sanguigno del feto, dove causano l'adesione dei globuli rossi. Di conseguenza, ci sono due possibili esiti: o il feto muore nel grembo materno, o nasce con una malattia emolitica di varia gravità.

Attualmente i medici hanno imparato a prevenire il conflitto Rhesus tra madre e bambino e nel 90-97% dei casi è possibile salvare la vita del bambino.

Sintomi di Rh-conflitto durante la gravidanza

Nonostante i gravi cambiamenti che avvengono nel corpo di una donna incinta durante il conflitto Rh, il suo stato di salute non è disturbato (se non c'è alcuna patologia concomitante). Pertanto, in apparenza di una donna, è impossibile sospettare il conflitto Rh.

Nello studio del sangue, a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza, si riscontra un graduale aumento molto lento del livello di antigene-agglutinina, che ha un effetto negativo sul feto.

Per l'esame del feto mediante ultrasuoni, Doppler. Entrambi i metodi consentono di rilevare i cambiamenti: aumento del fegato e della milza, violazione dell'attività cardiaca e della funzione polmonare, accumulo sottocutaneo e negli organi interni del feto. Il bambino prende una posa forzata (posa del Buddha) con le gambe divorziate. All'ecografia, la testa del feto viene visualizzata con un doppio contorno, la placenta si ispessisce, il numero di vasi sanguigni aumenta, diventano di diametro maggiore. Spesso sviluppa acqua alta.

Va detto che durante la prima gravidanza tali cambiamenti, di regola, non si verificano. Sono più caratteristici della seconda o addirittura terza gravidanza, quando una quantità sufficiente di anticorpi si sono accumulati nel corpo della madre e possono passare liberamente attraverso la placenta.

Ma anche con un flusso favorevole di gravidanza con conflitto Rh c'è una certa tendenza alla nascita prematura e all'emorragia postpartum.

Conseguenze del conflitto Rhesus durante la gravidanza

Per una donna, il conflitto con Rhesus non è pericoloso né durante la gravidanza né negli anni successivi della sua vita. Tuttavia, deve ricordare che il suo sangue è Rh negativo, e quando si presenta la necessità di trasfusioni o interventi chirurgici, una donna dovrebbe avvisare i medici di questo. Questo dovrebbe essere fatto per non sviluppare lo shock trasfusionale, che è stato menzionato sopra.

Nel feto, il conflitto Rh può manifestarsi sotto forma di una grave patologia - malattia emolitica del neonato, paralisi cerebrale, malattia epilettica. Alcuni bambini successivamente si sviluppano peggio dei loro coetanei, sia fisicamente che mentalmente.

Tuttavia, è possibile e facile la versione della malattia emolitica, quando c'è solo un leggero ittero e piccoli cambiamenti nel fegato e nella milza. Queste violazioni sono abbastanza facilmente e rapidamente corrette, e in futuro il bambino cresce e si sviluppa in base all'età.

Ci sono anche casi in cui il bambino non ha alcuna conseguenza dopo la gravidanza con conflitto Rh. Questo deriva dal fatto che non sempre gli anticorpi materni a un rhesus attraversano una placenta in sangue di un frutto. Questo è particolarmente vero per la prima gravidanza, ma questa opzione è possibile durante la seconda e anche terza gravidanze.

Rhesus-conflitto durante la prima gravidanza

Il conflitto Rhesus non si manifesta sempre durante la prima gravidanza. Solo un bambino su 20 con sangue Rh positivo, nato da una madre Rh negativa, sviluppa una malattia emolitica o altre complicanze. I casi sono descritti anche quando la madre Rh-negativa, anche dopo trasfusioni di sangue multiple che sono incompatibili con il fattore Rh, non ha prodotto anticorpi. Di conseguenza, esiste la probabilità del conflitto Rh, ma non si verifica così spesso come comunemente si crede.

Nella maggior parte dei casi, non vi è alcun conflitto Rhesus a figura intera durante la prima gravidanza. A partire dall'ottava settimana di gravidanza nel sangue di una donna, vi è un lento accumulo di anticorpi contro il fattore Rh positivo del feto, ma questi anticorpi non hanno il tempo di avere un effetto significativo e, di conseguenza, il bambino nasce sano.

Tuttavia, se la prima gravidanza termina con un aborto, o viene eseguito un parto operativo, o una separazione manuale della placenta, o il sanguinamento si verifica durante il parto, allora un gran numero di globuli rossi Rh-positivi del feto si riversa nel sangue della donna. In questo caso, sarà sufficiente anche un breve contatto della madre con 5-10 ml di sangue fetale. Di conseguenza, un gran numero di anticorpi si formano nel sangue di una donna, che da soli non scompaiono da nessuna parte, ma continuano a circolare in essa.

Va ricordato che anche se la prima gravidanza ha avuto successo, e un bambino sano è nato, la concentrazione di anticorpi nel sangue materno rimane ad un livello elevato. Con l'inizio di una nuova gravidanza con un feto Rh positivo, la quantità di anticorpi aumenta solo.

Rhesus-conflitto nella seconda gravidanza

Ad ogni successiva gravidanza, la concentrazione di anticorpi antireus nel sangue di una donna aumenta (stiamo parlando di una nuova gravidanza con un feto Rh positivo). Quando il feto eredita un rhesus negativo (come una madre), il conflitto con Rh è impossibile e la gravidanza si svilupperà in modo classico.

Così, nel corpo della donna, gli anticorpi anti-Rh cominciano a essere prodotti di nuovo, e il loro numero è molto maggiore rispetto alla prima gravidanza. Ora sono in grado di penetrare attraverso la placenta nel sangue del feto e causare la distruzione dei globuli rossi, ad es. si verifica una malattia emolitica. Più globuli rossi vengono distrutti, più il cervello e altri organi del feto soffrono di ipossia (mancanza di ossigeno). Il fegato e la milza, cercando di compensare la carenza di globuli rossi, aumentano di dimensioni.

Nelle forme gravi di malattia emolitica, quando il fegato e la milza non riescono a far fronte e il cervello non riceve quasi ossigeno, la morte del feto potrebbe essere il risultato più probabile. Ma ancora la seconda gravidanza è più caratteristica della nascita di un bambino con forme moderate e lievi di malattia emolitica.

Conflitto di Rhesus durante la terza gravidanza

Con il verificarsi della terza gravidanza con un feto Rh positivo, la probabilità di conflitto Rh è molto alta. A proposito, il concetto di gravidanza include tutti i casi di concepimento, mentre non importa come sono finiti - durante il parto o l'aborto, l'aborto, ecc.

Di solito, a tutte le donne con livelli elevati o crescenti di anticorpi viene somministrato un trattamento speciale che allevia le manifestazioni della malattia emolitica nel feto e previene lo sviluppo di patologie più gravi.

Ma, dato che dalla terza gravidanza il titolo anticorpale nel sangue della donna aveva già raggiunto il suo apogeo, la probabilità di complicanze nel feto è considerevole. E anche un trattamento tempestivo non può sempre minimizzare i rischi. Nei casi in cui i medici vedono che il titolo anticorpale sta aumentando rapidamente e il rischio di uno sviluppo prenatale aumenta, si consiglia una somministrazione precoce.

Condurre la gravidanza in conflitto con i rhesus

Durante la prima visita alla clinica prenatale (ma non prima di 12 settimane), una donna incinta prende sempre il sangue per determinare il gruppo sanguigno e il fattore Rh. In caso di rilevazione del suo sangue Rh negativo, anche il fattore Rh viene determinato dal coniuge. Se il coniuge è Rh-positivo (cioè, c'è un alto rischio di sviluppare il conflitto Rh), la donna viene messa su un conto separato. È tenuta a sottoporsi a regolari esami del sangue per determinare il titolo degli anticorpi anti-Rh, a sottoporsi a ultrasuoni di routine e, se necessario, ad altri metodi di esame (cordo- e amniocentesi) nei centri perinatali.

Lo scopo principale dell'osservazione nei centri specializzati è prevenire un aumento del titolo anticorpale nel sangue della madre e nella morte del feto. Se il feto ha una grave malattia emolitica, vengono eseguite le trasfusioni di scambio. Per fare ciò, sotto il controllo degli ultrasuoni, viene effettuata una puntura della parete addominale anteriore della madre, e la massa di eritrociti viene introdotta nei vasi del cordone ombelicale, che riduce il carico sul fegato e la milza del feto e rimuove l'ipossia intrauterina.

Ci occuperemo del fattore Rh

È noto che il sangue umano è costituito da globuli rossi o globuli rossi, responsabili del trasporto di ossigeno, globuli bianchi - leucociti, protezione della salute del corpo, piastrine, responsabili della coagulazione del sangue e di molte altre cellule e sistemi.

Il fattore Rh è una proteina D che è un antigene e si trova sulla superficie dei globuli rossi. Una parte significativa della gente ha il fattore Rh, quindi il loro sangue si chiama Rh-positivo. Ad esempio:

  • tra gli europei, ci sono l'85% delle persone positive al Rh
  • mentre negli africani questa percentuale sale al 93%
  • Gli asiatici hanno fino al 99%

Se la proteina D non viene rilevata, allora tali persone sono chiamate Rh-negativi. Il fattore Rhesus è geneticamente determinato, proprio come il colore dei capelli o degli occhi, rimane per la vita e non cambia. La presenza o l'assenza del fattore Rhesus non porta alcun beneficio o danno, è solo una caratteristica di ogni persona.

E cos'è questo - conflitto Rhesus?

Clicca per ingrandire

Diventa chiaro che la gravidanza con Rh-conflitto si verifica in situazioni in cui il sangue della madre è Rh negativo, e il padre, al contrario, è Rh-positivo, e il futuro bambino eredita il fattore Rh da lui.

Tuttavia, questa situazione si verifica non più del 60% dei casi e l'incidenza dei conflitti Rhesus rappresenta solo l'1,5%. Il meccanismo di Rh-conflitto nel periodo di attesa per la nascita del bambino è che i globuli rossi del feto, che trasportano l'antigene D, si trovano con i globuli rossi della gravidanza Rh-negativo e si attaccano insieme, cioè avviene l'agglutinazione.

Per prevenire l'attaccamento, l'immunità della madre viene attivata, il sistema immunitario inizia a sintetizzare intensivamente gli anticorpi che si legano all'antigene - il fattore Rh e prevengono l'attaccamento. Questi anticorpi o immunoglobuline possono essere di due tipi, sia IgM che IgG.

  • Rhesus-conflitto durante la prima gravidanza

Non si verifica quasi mai a causa della produzione di immunoglobuline di tipo I. Le IgM sono molto grandi e non possono attraversare la placenta per entrare nel flusso sanguigno del feto. E affinché gli eritrociti del nascituro e gli anticorpi si incontrino, devono "scontrarsi" nello spazio tra la parete uterina e la placenta. La prima gravidanza esclude quasi completamente una situazione simile, che impedisce lo sviluppo di una situazione di conflitto Rhesus.

  • Se una donna rimane incinta di nuovo feto Rh positivo

In questo caso, i suoi eritrociti, penetrando nel sistema vascolare della madre, "innescano" la risposta immunitaria, durante la quale iniziano a produrre IgG. Le dimensioni di questi anticorpi sono piccole, superano facilmente la barriera placentare, penetrano nel flusso sanguigno del bambino, dove iniziano a distruggere i suoi globuli rossi, cioè a causare l'emolisi.

Nel processo di distruzione dei globuli rossi del feto, da essi si forma la bilirubina, che in quantità significative è una sostanza velenosa per il bambino. L'eccessiva formazione di bilirubina e la sua azione contribuiscono allo sviluppo di una patologia così formidabile come la malattia emolitica del feto e del neonato.

Cosa porta al conflitto Rhesus?

Per lo sviluppo del conflitto Rhesus, hai bisogno di due condizioni:

  • Primo, il feto deve avere sangue Rh positivo, il che significa ereditare suo padre con Rh positivo
  • In secondo luogo, il sangue della madre dovrebbe essere sensibilizzato, cioè avere anticorpi contro la proteina D.

Per lo più, la produzione di anticorpi è dovuta a gravidanze precedenti, indipendentemente dalla loro conclusione. La cosa principale è che ci fu un incontro di sangue materno e fetale, dopo di che furono sviluppati gli anticorpi IgM. Questi potrebbero essere:

  • precedente parto (nel processo di espulsione di un feto, il contatto con il suo sangue non può essere evitato da una donna)
  • taglio cesareo
  • gravidanza ectopica
  • l'aborto (indipendentemente dal metodo, e l'aborto chirurgico e medico sono ugualmente pericolosi)
  • aborto spontaneo
  • Distacco della placenta prematura
  • separazione della placenta a mano.

La produzione di anticorpi è anche possibile dopo l'esecuzione di procedure invasive durante la gestazione, ad esempio dopo cordocentesi o amniocentesi. E una tale ragione non è esclusa, sebbene sia più probabile un'assurdità, come una trasfusione di sangue Rh positivo per una donna in passato, che ha un fattore Rh negativo.

Altrettanto importanti sono le malattie di una donna che indossa un bambino. La gestosi durante la gravidanza, il diabete, l'ARVI e l'influenza danneggiano i villi e, di conseguenza, i vasi corionici e il sangue della madre e del futuro bambino sono mescolati.

Ma dovresti sapere che la formazione del sangue nel feto inizia a formarsi dall'8a settimana di embriogenesi, il che significa che gli aborti effettuati fino a 7 settimane sono sicuri in termini di sviluppo della situazione di conflitto Rhesus in futuro.

Manifestazioni di conflitto Rh

Esterne, cioè, manifestazioni visibili del conflitto Rh non esistono. L'incompatibilità del sangue materno e fetale non influisce in alcun modo sullo stato della gestante. Come descritto sopra, il conflitto Rh "matura" nella seconda gravidanza e con ogni successivo rischio di questa condizione aumenta.

L'incompatibilità del sangue del bambino e della futura mamma con il fattore Rh influisce molto negativamente sulla sua condizione e sulla sua salute in futuro. Per scoprire quali danni distruttivi hanno inflitto al bambino Rh-conflitto, l'ecografia del feto. I seguenti segni sono ben visualizzati durante gli ultrasuoni:

  • il contorno della testa diventa doppio, a indicare il gonfiore
  • la placenta e la vena ombelicale si gonfiano e aumentano di diametro
  • il liquido si accumula nell'addome, nella sacca cardiaca e nel torace
  • la dimensione della pancia del feto supera la norma
  • splenohepatomegaly sviluppa (un aumento delle dimensioni del fegato e della milza), il cuore fetale è sopra la norma
  • bambino nell'utero prende una certa posizione in cui le gambe sono divorziate a causa del grande addome - questo è chiamato il "postura del Buddha"

Tutti questi segni ecografici indicano lo sviluppo della malattia emolitica del feto, e dopo la nascita sarà chiamata malattia emolitica del neonato. Questa patologia ha tre forme:

Il più sfavorevole e severo è la forma edematosa. La forma itterica è la seconda più grande. Ребенок, у которого высокие показатели билирубина в кровотоке после рождения очень вялый, апатичный, отличается плохим аппетитом, постоянно срыгивает (см. причины срыгивания у новорожденного), имеет сниженные рефлексы, у него нередки судороги и рвота.

L'intossicazione da bilirubina influisce negativamente sul bambino, anche in utero, ed è gravida dallo sviluppo di disabilità mentale e mentale. In forma anemica, il feto è privo di globuli rossi, che causa la sua privazione di ossigeno (ipossia) e in grandi quantità ci sono globuli rossi immaturi (eritroblasti, reticolociti) nel sangue.

Diagnostica e monitoraggio dinamico

Nella diagnosi della patologia descritta, la comparsa precoce delle donne nella clinica prenatale è di grande importanza, soprattutto se la seconda, la terza e così via gravidanza in una donna incinta è stata diagnosticata in passato con sensibilizzazione agli anticorpi o, più sfavorevolmente, una malattia emolitica del feto / neonato nella storia.

  • Al momento della registrazione per la registrazione del dispensario, tutte le donne in gravidanza, senza eccezioni, determinano il gruppo sanguigno e l'affiliazione Rh.
  • Se alla madre viene diagnosticato un sangue Rh negativo, in questo caso viene mostrata la definizione del gruppo e il fattore Rh nel padre.
  • Se ha un fattore Rh positivo, a una donna verrà prescritto un test per il titolo di anticorpi ogni 28 giorni prima della 20a settimana di gravidanza.
  • È importante determinare il tipo di immunoglobuline (IgM o IgG).
  • Dopo che la gravidanza è passata nella seconda metà (dopo 20 settimane), la donna viene inviata per essere osservata in un centro specializzato.
  • Dopo 32 settimane, un esame del sangue per il titolo anticorpale viene eseguito ogni 14 giorni e dopo 35 settimane, ogni 7 giorni.
  • La prognosi dipende dall'età gestazionale (vedi calcolo del calcolo dell'età gestazionale) in cui sono stati rilevati gli anticorpi. È tanto più sfavorevole quanto prima che venissero diagnosticate le immunoglobuline Rh.

Quando vengono rilevati gli anticorpi, soprattutto se aumenta la seconda gravidanza e aumentano le probabilità di insorgenza del conflitto Rh, valuta la condizione del feto, che viene effettuata utilizzando metodi non invasivi e invasivi.

Metodi non invasivi per determinare lo stato del futuro bambino:

L'ecografia deve essere eseguita a periodi di gestazione di 18, 24 - 26, 30 - 32, 34 - 36 settimane e alla vigilia del parto. La posizione del bambino, il gonfiore dei tessuti, le vene ombelicali dilatate e il modo in cui il bambino cresce e si sviluppa sono determinati.

Viene valutata la velocità del flusso sanguigno nei vasi placentari e nel feto.

Permette di determinare le condizioni del cuore e dei vasi sanguigni del sistema fetale e di diagnosticare la presenza di carenza di ossigeno (ipossia).

Metodi invasivi:

  • amniocentesi

Durante l'amniocentesi, il liquido amniotico viene campionato quando viene perforata la vescica fetale e viene determinato il contenuto di bilirubina. L'amniocentesi è prescritta per un titolo anticorpale di 1:16 e superiore e ha luogo a 34 - 36 settimane. È necessario prendere in considerazione gli aspetti negativi di questa procedura. L'esecuzione di un'amniocentesi è piena di infezione, perdita di liquido amniotico, scarico prematuro di acqua, sanguinamento e distacco della placenta.

L'essenza della procedura consiste nel forare la vena ombelicale e prelevare il sangue da essa. Metodo altamente informativo per la diagnosi della malattia emolitica, inoltre, consente al sangue di essere trasferito al feto intrauterino. La cordocentesi ha gli stessi aspetti negativi dell'amniocentesi, così come la formazione di un ematoma sul sito di puntura o il sanguinamento da esso. Questa manipolazione viene eseguita con un titolo anticorpale di 1: 32 e nel caso di malattia emolitica del feto / neonato in un bambino precedente o della sua morte.

Metodi di confronto Rhesus-conflict

Ad oggi, c'è solo un modo per alleviare la condizione del feto e migliorare la sua situazione - è la trasfusione di sangue intrauterino attraverso la cordocentesi. Questo metodo riduce la probabilità di parto prematuro e lo sviluppo di una grave malattia emolitica dopo la nascita. Tutti gli altri metodi non hanno un effetto significativo o sono completamente inutili (effettuando trattamenti desensibilizzanti, trapianti di trapianto della pelle del marito della madre della madre e altri).

Rodozresreszhayut donna, di regola, in anticipo. La preferenza è data al parto addominale, poiché in questo caso il rischio di complicanze è ridotto. Ma in alcune situazioni (mancanza di ipossia, età gestazionale è più di 36 settimane, non la prima nascita), è anche possibile la consegna indipendente.

Al fine di prevenire il conflitto di Rh durante la prossima gravidanza, una donna in prima divisione introduce l'immunoglobulina anti-Rh entro 72 ore dalla nascita del bambino, che distruggerà i globuli rossi del bambino che entrano nel sangue della madre, che impedirà la formazione di anticorpi contro di loro.

È per lo stesso scopo che viene somministrata una specifica immunoglobulina dopo un aborto artificiale e spontaneo. Inoltre, viene mostrata la somministrazione di immunoglobulina dopo gravidanza ectopica e sanguinamento durante l'attuale periodo di gestazione. Per la profilassi, la somministrazione di questa immunoglobulina è indicata a 28 e 34 settimane.

Conflitto di Rhesus e allattamento al seno

Sulla questione dell'allattamento al seno con il conflitto di Rhesus non c'è consenso. I medici valutano le condizioni del bambino e i possibili rischi e in alcuni casi immediatamente dopo la nascita non raccomandano l'allattamento al seno per diversi giorni, sufficienti a rimuovere gli anticorpi dal corpo della madre.

Tuttavia, vi è l'opinione opposta dei medici che non vi è alcuna necessità di una tale restrizione. Non esiste una ricerca adeguata in quest'area che confermi questa o quella posizione.

Cosa prevede il conflitto Rhesus?

Gli effetti della gravidanza con conflitto Rhesus sono molto sfavorevoli. La presenza nel sangue del bambino di un'enorme quantità di bilirubina influenza lo stato dei suoi organi interni e del cervello (l'effetto dannoso della bilirubina).

Spesso si sviluppa una malattia emolitica del neonato, il bambino ha un ritardo mentale, può essere ucciso sia nell'utero che dopo la nascita. Inoltre, il conflitto Rhesus è la causa dell'aborto e dell'aborto abituale.

Conflitto Rhesus - che cos'è?

Per comprendere l'essenza del problema, è importante prima capire quanto sia importante il fattore Rhesus. È una proteina speciale che si trova sulla superficie dei globuli rossi. Questa proteina è presente nel sangue dell'85% di tutte le persone e il resto è assente. Pertanto, il primo di essi è considerato proprietario di un fattore Rh positivo e il secondo negativo.

Quindi, determina le caratteristiche immunologiche del corpo e non influisce affatto sulla salute umana. Il fattore Rh è solitamente indicato con Rh + e Rh-. Il termine fu introdotto per la prima volta nel 1940 dagli scienziati Alexander Wiener e Karl Landsteiner. Rhesus-conflitto tra madre e feto è un'incompatibilità immunologica per il fattore Rh nel sangue se è negativo per la madre e positivo per il feto. Il pericolo di un conflitto tra i rhesus è che può causare la morte del feto, la natimortalità, l'aborto spontaneo. Questo fenomeno può verificarsi nella donna incinta con un Rh negativo, sia nel processo di gestazione che durante il parto. Il conflitto immunitario tra la madre e il feto si manifesta se il feto eredita Rh + dal padre.

Cause di conflitto di Rhesus materno e fetale

Per il futuro corpo della madre, il sangue di un bambino con Rh + è una seria minaccia, quindi produce anticorpi che reagiscono ai globuli rossi del feto e li distruggono. Rhesus-conflitto tra madre e feto a causa del trapianto di globuli rossi del feto con un fattore Rh positivo nel sangue della madre con un indicatore negativo.

Il conflitto immunologico è in gran parte dovuto all'esito della prima gravidanza della donna. Durante la gestazione, il conflitto Rh può essere causato da trasfusioni di sangue, in cui il fattore Rh non è stato preso in considerazione, da precedenti aborti, aborti. Inoltre, il sangue Rh incompatibile del bambino può entrare nel flusso sanguigno della madre durante il travaglio, così il corpo della madre diventa suscettibile al fattore Rh negativo e la probabilità di conflitto di Rh durante la seconda gravidanza aumenta. Il rischio di isoimmunizzazione aumenta con il taglio cesareo. L'incompatibilità del sangue può essere scatenata dal sanguinamento durante la gravidanza e il parto a causa di danni alla placenta.

La probabilità di conflitto Rhesus sul gruppo sanguigno

Il fattore Rh è un tratto ereditato geneticamente determinato e dominante. Se la madre ha un Rh negativo e il padre ha un'omozigosità positiva, il bambino riceve sempre Rh +. In questo caso, il rischio di conflitto nel gruppo sanguigno è molto alto. E nel caso dell'eterozigosità paterna, la probabilità di trasmettere Rh negativo o positivo al feto è uguale.

All'ottava settimana di sviluppo fetale, si verifica la formazione di sangue, durante il quale i globuli rossi hanno maggiori probabilità di entrare nel flusso sanguigno della madre. In questo caso, viene attivata la protezione del sistema immunitario della madre, poiché l'antigene fetale è considerato estraneo. Pertanto, il corpo di una donna incinta produce anticorpi anti-rhesus, che causano il conflitto tra madre e feto. Il rischio di un conflitto immunologico durante la gestazione è piuttosto ridotto e ammonta a solo lo 0,8%, ma è molto pericoloso e richiede pertanto uno studio e un'attenzione speciali. Identificare approssimativamente Rh del bambino non nato secondo l'analisi del gruppo sanguigno dei genitori consentirà la predizione del conflitto Rh durante la gravidanza. La tabella illustra chiaramente la probabilità di incompatibilità del sangue.

Conseguenze e minacce di conflitto Rhesus durante la gravidanza

Il conflitto immunitario tra madre e feto è gravido di gravi conseguenze per il bambino. Gli antigeni prodotti dal corpo della madre, rilevando un corpo estraneo con un fattore Rh incompatibile, penetrano il flusso sanguigno fetale attraverso la barriera emato-placentare e distruggono il processo ematopoietico del bambino, inibendo la formazione dei globuli rossi.

Tale comportamento degli anticorpi può causare una condizione estremamente pericolosa per il feto, minacciando la vita del nascituro, che è caratterizzata da acidosi, ipossia e anemia. Nel corpo del bambino si accumula una quantità eccessiva di liquido e vi è una violazione dello sviluppo di quasi tutti i sistemi e gli organi. Se le misure non vengono prese in modo tempestivo, vi è una seria minaccia di aborto spontaneo, morte fetale, parto prematuro, nascita di un bambino con una malattia emolitica, che continuerà a progredire a causa dell'accumulo di anticorpi antirhesus nel corpo del bambino, il cui sviluppo ha causato il conflitto tra madre e feto durante la gravidanza . Può anche causare patologie dello sviluppo, che si esprimono in un eccessivo aumento di organi interni, cervello, cuore, danni tossici al sistema nervoso centrale.

Il conflitto Rhesus di madre e feto durante la gravidanza non ha manifestazioni cliniche e sintomi specifici. Per identificare il problema può essere solo attraverso un esame del sangue di laboratorio, che mostra la presenza di anticorpi al fattore Rh negativo.

Nel feto, l'incompatibilità del sangue si manifesta nello sviluppo della malattia emolitica degli organi interni e dei sistemi corporei, che può portare alla sua morte nel periodo tra le 20-30 settimane di gravidanza, così come aborto, natalità morta, parto prematuro.

Inoltre, un bambino a termine può mostrare una patologia emolitica edematosa, itterica e anemica. Il conflitto di Rhesus nel feto si manifesta nell'aspetto nel sangue dei globuli rossi acerbi, patologie dello sviluppo degli organi interni. La sintomatologia è determinata dal numero di anticorpi prodotti dal corpo della madre. In forma grave, la malattia procede con la comparsa di gonfiore del feto - un aumento delle dimensioni degli organi interni, la comparsa di ascite, un aumento della placenta e il volume del liquido amniotico. La massa del bambino può essere aumentata fino a due volte, la malattia è spesso accompagnata da idropisia.

Test di laboratorio

Il conflitto tra feti-madre e feto durante la gravidanza può prevenire la diagnosi precoce, principalmente nella forma di identificare i fattori Rh del padre e della madre prima dell'inizio di una futura gravidanza o nelle sue fasi iniziali.

La predizione del conflitto Rh si basa su dati relativi a precedenti trasfusioni di sangue, al decorso e all'esito della prima gravidanza, alla presenza di aborti, aborti, morte fetale nell'utero materno, malattia emolitica del bambino, che consente di determinare con esattezza la probabilità del rischio di isoimmunizzazione.

Le analisi del sangue di laboratorio per la determinazione dei corpi anti-rhesus e del titolo sono eseguite per tutte le donne con conflitto Rh durante la gravidanza. Le analisi dovrebbero essere prese e il padre del bambino. Se la probabilità di insorgenza di conflitto di Rhesus è elevata, la donna incinta dovrebbe essere sottoposta a test ogni mese. Dalla 32a settimana vengono effettuati test di laboratorio due volte al mese e dalla 36a settimana - ogni settimana fino alla consegna. Se il conflitto Rh viene rilevato durante la gravidanza, lo studio determinerà il contenuto di anticorpi nel corpo della madre. Prima viene diagnosticata la patologia, minore è il rischio di complicanze, poiché l'effetto del conflitto Rhesus si accumula nel tempo.

Ultrasuoni e metodi invasivi di valutazione del rischio per il feto

Al fine di diagnosticare in modo più dettagliato il conflitto immunologico del feto e della madre, un esame ecografico viene effettuato almeno quattro volte da 20 a 36 settimane di gestazione, nonché prima del parto. L'ecografia consente di tracciare le caratteristiche dello sviluppo del feto e di identificare la presenza di patologie.

Lo studio valuta lo stato e le dimensioni della placenta, il volume dell'addome del feto, il liquido amniotico e le vene dilatate del cordone ombelicale.

Ulteriori metodi di ricerca sono l'ECG, la cardiotografia, la fonocardiografia, che consentono di determinare il livello di ipossia nel feto durante il conflitto rhesus. I metodi di valutazione invasivi forniscono informazioni preziose - l'amniocentesi e il test del sangue del cordone ombelicale usando il liquido amniotico e il sangue del cordone ombelicale. La diagnosi del liquido amniotico consente di determinare il titolo di corpi anti-rhesus, il sesso del bambino, la maturità dei polmoni del feto. Il grado esatto di patologia viene diagnosticato dal cardotsentoz nel gruppo sanguigno e dal fattore Rh del feto nel sangue del cordone ombelicale. Inoltre, gli studi mostrano la presenza di proteine ​​del siero di latte, il contenuto di emoglobina, bilirubina, reticolociti, anticorpi, fissati sui globuli rossi.

Se c'è un conflitto tra la madre e il feto nel gruppo sanguigno, praticamente l'unico modo efficace di trattamento è la trasfusione di sangue al feto attraverso il cordone ombelicale all'interno dell'utero della madre. La procedura è controllata da ultrasuoni. Questa misura consente di alleviare la condizione del feto, prolungare il periodo di gravidanza, ridurre le manifestazioni di anemia, ipossia.

Per ridurre l'effetto del conflitto Rhesus, viene effettuata anche l'ossigenoterapia, viene prescritto un ciclo di terapia non specifica, che comprende vitamine, preparati con ferro, calcio, antistaminici. Se il feto ha una condizione grave, allora un taglio cesareo viene eseguito a 37-38 settimane di gestazione. Inoltre, a una donna incinta viene prescritta la plasmaferesi, che riduce il contenuto di anticorpi nel sangue ai globuli rossi del feto.

Dopo la nascita, al bambino viene somministrata una trasfusione di sangue sostitutiva per sostituire i globuli rossi danneggiati e viene prescritto un trattamento per la patologia emolitica - contagocce che rimuovono sostanze tossiche dall'organismo e riducono il livello di decadimento dei globuli rossi, l'irradiazione ultravioletta. Il trattamento richiede un corso intensivo di terapia, osservazione da parte dei neonatologi, a volte il bambino viene posto in terapia intensiva. Nutrire un bambino con il latte materno non è raccomandato durante le prime 2 settimane dopo la nascita se viene rilevata una malattia emolitica.

Nascite in conflitto Rhesus

L'esito più comune della gravidanza in presenza di Rh-conflitto - nascita pretermine. Pertanto, il compito dei medici è di estendere il termine di portare un bambino, monitoraggio completo del processo del suo sviluppo. Per la diagnosi durante l'intero periodo di gravidanza, vengono eseguiti ultrasuoni, Doppler, CTG. Se un'ulteriore gravidanza rappresenta un serio pericolo per il feto, viene presa una decisione in merito al parto pretermine.

Nella maggior parte dei casi, la gestazione del feto durante il conflitto Rh termina con un taglio cesareo. Il parto in modo naturale è estremamente raro e solo se la condizione del feto è valutata come soddisfacente e la vita del bambino non è in pericolo. Il taglio cesareo è considerato il più sicuro e delicato per il feto. Durante il parto, è necessaria la presenza di un neonatologo per la rianimazione, se necessario. La consegna del lavoro deve essere effettuata in una stanza ben attrezzata con tutte le attrezzature mediche necessarie e sotto la supervisione di medici altamente qualificati.

Trattamento del conflitto Rhesus durante la gravidanza

Se ci sono anticorpi antiresici nel sangue di una donna, o se ci sono segni che un bambino possa nascere con una malattia emolitica, è indicato trattamento profilattico non specifico.

Tutte le attività mirano a rafforzare la barriera emolitica (per impedire agli anticorpi della madre di entrare nel sangue fetale) ea migliorare le condizioni del feto. A questo scopo, alle donne incinte vengono prescritte iniezioni di acido ascorbico con soluzione di glucosio al 40%, vitamine del gruppo B, ossigenoterapia e sessioni di irradiazione UV. В диету рекомендуется включить недожаренную печень или печеночные экстракты. При угрозе самопроизвольного выкидыша к лечению добавляют диатермию околопочечной области и введение прогестерона.

Такое лечение позволяет существенно улучшить состояние плода и уменьшить проявления гемолитической болезни. Однако при неэффективности такого подхода или при стремительном нарастании титра антител женщине могут понадобиться досрочные роды. Possono essere eseguiti in modo naturale (con un titolo anticorpale non molto alto) o con un taglio cesareo, al fine di ridurre il tempo di contatto del sangue materno con il corpo del bambino.

Attualmente sviluppato e trattamento specifico Immunoglobulina Rhesus. Viene prescritto a tutte le donne Rh negative dopo il parto, l'aborto, l'aborto, il trattamento chirurgico della gravidanza extrauterina. Il farmaco viene somministrato per via intramuscolare immediatamente dopo il parto o l'intervento chirurgico, il tempo massimo consentito per la vaccinazione è di 48-72 ore dopo le manipolazioni mediche. Con l'introduzione di immunoglobulina in termini più distanti, l'effetto sul farmaco non sarà.

L'immunoglobulina antiresica distrugge i globuli rossi del feto nel corpo di una donna, che sono riusciti a penetrare il suo sangue durante l'intervento chirurgico o il parto. In questo caso, la distruzione dei globuli rossi avviene molto rapidamente e gli anticorpi nel sangue di una donna non hanno il tempo di svilupparsi e, pertanto, il rischio di conflitto Rh durante la prossima gravidanza è ridotto al minimo.

Misure preventive

Il conflitto "madre-feto" durante la gravidanza può causare gravi conseguenze per il bambino. Pertanto, le misure preventive finalizzate alla prevenzione del conflitto Rhesus e lo sviluppo di isoimmunizzazione sono di grande importanza. Quando la trasfusione di sangue è importante per valutare la compatibilità con il donatore, è necessario preservare la prima gravidanza e prevenire l'aborto. Altrettanto importante è l'attenta pianificazione della gravidanza. Lo studio del gruppo sanguigno, il fattore Rh preverrà il conflitto Rh durante la gravidanza. La tabella di compatibilità del gruppo sanguigno evita problemi futuri. Dovrebbe essere attento al corso della gravidanza. Come profilassi, viene utilizzata l'iniezione intramuscolare di immunoglobulina antirenchica da un donatore di sangue a donne con un fattore Rh negativo e con una maggiore suscettibilità ad un antigene positivo. Questo farmaco distrugge i globuli rossi, che sono caduti dal vettore di un fattore Rh positivo, riducendo in tal modo l'isoimmunizzazione e il rischio di conflitto Rhesus.

Le iniezioni vengono effettuate dopo l'aborto, gli aborti e le operazioni per prevenire la gravidanza intrauterina. Inoltre, l'immunoglobulina anti-Rh viene somministrata alle donne in gravidanza a rischio alla settimana 28 e 34 di nuovo per ridurre la probabilità di sviluppare una malattia emolitica del feto. Così come le iniezioni sono prescritte entro 2-3 giorni dopo la nascita, che riduce il rischio di conflitto Rh durante le gravidanze successive. L'immunoglobulina viene iniettata ad ogni gravidanza, se la probabilità di avere un bambino con un fattore Rh positivo è elevata.

Pertanto, il conflitto Rh della madre e del feto non è un motivo di aborto. La probabilità di conflitto di Rhesus è estremamente ridotta, quindi non c'è motivo di disperare. Grazie ai moderni progressi nell'immunologia, c'è sempre l'opportunità di fare un bambino forte e sano.

Rhesus-conflitto durante la gravidanza

Nel processo di concepimento, un embrione di un genitore riceve una proteina D situata sopra i globuli rossi. In presenza dell'antigene Rh D, il sangue è considerato positivo e, in assenza di esso, negativo. Il conflitto Rhesus è quando una futura mamma ha un Rh negativo, e un partner ha uno positivo, perché secondo le statistiche, il 50% dei bambini riceve un fattore Rh dal padre. In altri casi, il problema non si verifica. Il conflitto di Rhesus durante la gravidanza minaccia di aborto spontaneo, distacco della placenta prematura, malattia emolitica del bambino.

Conflitto di Rhesus - cause

Come si è scoperto, un conflitto di gravidanza si verifica quando la madre ha un fattore Rh negativo e il feto Rh è positivo. Tuttavia, l'effetto distruttivo dopo la "conoscenza" di due organismi non si verifica immediatamente. Solo per un periodo di 8-9 settimane, e in alcune donne anche dopo sei mesi, appaiono immunoglobuline che possono penetrare nella placenta.

Quando il flusso di sangue tra una donna e il feto aumenta, aumenta la quantità di anticorpi anti-rhesus nel corpo del bambino, il che aumenta il rischio di patologie. Un conflitto immunologico a volte si verifica quando sensibilizzare Rh (-) di una donna, che si è verificato durante la sua nascita dalla madre Rh (+). Ci sono altre cause di conflitto Rhesus se una donna con Rh (-) ha le seguenti patologie:

  • diabete mellito
  • Taglio cesareo sulla nascita precedente,
  • preeclampsia,
  • aborto,
  • l'influenza
  • ARI,
  • eredità genetica,
  • gravidanza ectopica
  • trasfusione di sangue da donatore.

Analisi per conflitto Rhesus durante la gravidanza

Per prevenire la probabilità di conflitto Rh durante la gestazione, Mamma con Rh (-) è un'analisi prescritta per il conflitto Rh (per gli anticorpi), che deve sottoporsi mensilmente. In presenza di anticorpi (di qualsiasi titolo), una donna incinta fino alla settimana 20 viene osservata in una consultazione locale, dopo di che vengono inviati a cliniche specializzate per determinare le tattiche di trattamento e i tempi del travaglio. A partire dalla diciottesima settimana, le condizioni del feto e altri segni di conflitto Rh sono valutate mediante ultrasuoni (ultrasuoni).

Prevenzione del conflitto Rhesus

La profilassi prenatale è importante, cioè prenatale, a partire dall'analisi del conflitto Rh, che dovrebbe essere effettuata sin dai primi giorni di gravidanza. In assenza di anticorpi, una donna riceve un'iniezione intramuscolare (iniezione) di immunoglobulina anti-rhesus alla settimana 28 per impedire la loro ulteriore produzione. Se, dopo la nascita, il Rh del bambino è negativo, non è necessario temere l'ulteriore sviluppo della patologia emolitica. Mamma pungere un'altra dose di immunoglobulina per prevenire i rischi di incompatibilità immunologica durante le seguenti gravidanze.

Nel caso della sensibilizzazione Rh in qualsiasi momento, la prevenzione del conflitto Rh durante la gravidanza richiede particolare attenzione: dopo 32 settimane, gli esami del sangue vengono effettuati 2 volte al mese e prima del parto - settimanalmente. Anche nelle fasi iniziali, una donna viene inserita in una clinica speciale, dove da 22 a 32 settimane fanno una trasfusione intrauterina, quando il tipo di sangue necessario viene infuso nel feto. Questo dà un'alta possibilità di gestazione completa ed elimina un'ulteriore gravidanza extrauterina.

Informazioni su D-dimero: che cos'è, i tassi della norma durante la gravidanza e la sua pianificazione.

Gravidanza dopo il conflitto Rhesus

E 'possibile una gravidanza normale, non complicata, con conflitto di rhesus dopo gravidanze passate senza successo a questo riguardo? Sì, è possibile, ma a determinate condizioni. Prima di tutto, nel caso in cui la madre Rh-negativa rimane incinta dello stesso bambino Rh-negativo. In questo caso, entrambi i partecipanti al processo saranno negativi al negativo, quindi non ci sarà nessuno a scontrarsi e non ci sarà bisogno.

In secondo luogo, una gravidanza "calma" può svilupparsi, a condizione che durante e dopo una precedente gravidanza, la donna sia stata introdotta in modo tempestivo con l'immunoglobulina antireso. In altre parole, se l'immunoglobulina è stata vaccinata a 28 e 32 settimane dall'ultima gravidanza, e anche entro 48-72 ore dopo il parto, la probabilità che la prossima gravidanza non sia aggravata dal conflitto Rh è molto alta. In questo caso, la probabilità di conflitto Rh sarà pari a solo il 10%.

Una donna che ha sangue Rh negativo e, di conseguenza, il pericolo teorico di conflitto Rh, non dovrebbe abbandonare la gravidanza, e ancor più interromperla. Con le attuali conoscenze su questa patologia e il livello di controllo medico Rh-conflitto - non una frase!

L'unica cosa che una donna dovrebbe evitare è l'aborto e le trasfusioni di sangue senza copertura di immunoglobulina anti-rhesus. Così, proteggerà il suo bambino non ancora nato e lei stessa dallo sviluppo del conflitto Rhesus.

Pianificazione della gravidanza per conflitto Rhesus

Pianificare la gravidanza in conflitto con Rhesus non è molto diverso da qualsiasi altra gravidanza. Tuttavia, la donna Rh-negativa dovrebbe adottare un approccio più responsabile ai tempi di registrazione nella clinica prenatale e passare tempestivamente gli esami necessari, oltre a seguire tutte le raccomandazioni mediche e gli appuntamenti.

Dovrebbe essere registrato prima della dodicesima settimana di gravidanza, in modo che il medico abbia il tempo di pianificare attentamente la gestione di tale paziente. Nello stesso periodo vengono determinati il ​​gruppo sanguigno e il fattore Rh della donna. Quando si conferma l'assenza di fattore Rh nel sangue di una donna deve essere controllato il sangue del suo coniuge.

Lo studio della donna viene ripetuto alla settimana 18-20 e, se i titoli anticorpali aumentano, viene prescritto un trattamento appropriato (immunoglobulina anti-Rh) e il feto viene attentamente monitorato. In futuro, la determinazione degli anticorpi nel siero viene eseguita una volta al mese e un mese prima della consegna programmata, ogni settimana.

Analisi degli anticorpi durante la gravidanza

Uno dei modi per determinare la presenza stessa del conflitto Rh - un'analisi degli anticorpi. Questa analisi viene eseguita per tutte le donne con sospetto conflitto di Rhesus. Per determinare il gruppo a rischio all'inizio della gravidanza, un'analisi del fattore Rh viene eseguita da tutti e la stessa procedura deve essere eseguita dal padre del bambino. Se la combinazione di fattori di rez in un caso particolare è pericolosa, una donna una volta al mese sarà testata per il conflitto Rh, cioè la quantità di anticorpi.

A partire dalla ventesima settimana, se la situazione è minacciosa, la donna della clinica prenatale sarà trasferita in un centro specializzato per l'osservazione. A partire dalla settimana 32, una donna eseguirà un test anticorpale due volte al mese e dopo 35 settimane - una volta alla settimana fino all'inizio del travaglio.

Molto dipende da quanto tempo viene rilevato il conflitto Rhesus. Quanto prima è accaduto, più problemi prefigura una tale gravidanza, poiché l'effetto del conflitto Rh ha la capacità di accumularsi. Dopo 28 settimane aumenta lo scambio di sangue tra la madre e il bambino e, di conseguenza, aumenta la quantità di anticorpi nel corpo del bambino. Da questa data in poi, le donne ricevono un'attenzione speciale.

Studi per determinare l'entità del danno fetale

È possibile determinare le condizioni del feto con l'aiuto di una serie di studi, compresi quelli invasivi, cioè associati a un certo rischio per la salute del feto. Dalla 18a settimana iniziano a esaminare regolarmente il bambino con l'aiuto degli ultrasuoni. I fattori su cui i medici prestano attenzione sono la postura in cui si trova il feto, la condizione dei tessuti, la placenta, le vene e così via.

Il primo studio è nominato nell'area di 18-20 settimane, il prossimo - a 24-26, poi a 30-32, un altro a 34-36 settimane e l'ultimo immediatamente prima di parto. Tuttavia, se la condizione del feto sarà valutata come grave, le madri possono prescrivere ultrasuoni aggiuntivi.

Un altro modo di studiare, permettendo di valutare le condizioni del bambino - è la doplerometria. Permette di valutare il lavoro del cuore e la velocità del flusso sanguigno nei vasi sanguigni del feto e della placenta.

Il CTG ha anche un valore inestimabile nel valutare le condizioni del bambino. Permette di determinare la reattività del sistema cardiovascolare e assumere la presenza di ipossia.

Vale la pena menzionare separatamente metodi di valutazione invasivi condizioni fetali. Ce ne sono solo 2. Il primo - amniocentesi - puntura della vescica fetale e campionamento del liquido amniotico per analisi. Questa analisi consente di determinare la quantità di bilirubina. A sua volta, ciò consente di determinare in modo molto preciso le condizioni del bambino.

Tuttavia, la puntura della vescica amniotica è una procedura veramente pericolosa, e in alcuni casi comporta un'infezione nel liquido amniotico, può causare perdite di liquido amniotico, sanguinamento, distacco precoce della placenta e molte altre gravi patologie.

L'indicazione per l'amniocentesi è il titolo anticorpale nel conflitto Rhesus 1:16, così come la presenza di bambini nati da una donna con una forma grave di HDN.

Il secondo metodo di ricerca è kordotsentoz. In questo studio, il cordone ombelicale viene perforato e viene eseguito un esame del sangue. Questo metodo determina in modo più preciso il contenuto della bilirubina, inoltre, sono proprio questi metodi che il sangue viene trasfuso in un bambino.

La cordocentosi è anche molto pericolosa e porta alle stesse complicazioni del precedente metodo di ricerca, inoltre vi è il rischio di ematoma sul cordone ombelicale, che impedirà il metabolismo tra la madre e il feto. Indicazioni per questa procedura titolo anticorpale 1:32, la presenza di bambini precedentemente nati con grave HDN o bambini deceduti a causa di Rh-conflitto.

Consegna conflitto Rhesus

Nella maggior parte dei casi, la gravidanza con lo sviluppo del conflitto Rh termina con un travaglio pretermine programmato. I medici in tutti i modi disponibili monitorano le condizioni del bambino e decidono se ha senso continuare la gravidanza ulteriormente o sarà più sicuro per il bambino nascere presto.

Nascite naturali con Rh-conflitto si verificano raramente, solo in caso di soddisfacente condizione del feto e l'assenza di altre controindicazioni.

Allo stesso tempo, i medici controllano costantemente le condizioni del bambino e, in caso di difficoltà, decidono sull'ulteriore gestione del lavoro, spesso prescrivendo un taglio cesareo.

Tuttavia, il più delle volte la nascita nel conflitto Rhesus è il taglio cesareo, poiché in questo caso è considerato più benigno. Maggiori informazioni sul taglio cesareo →

Allattamento al seno con Rh Conflict

Una questione a parte: l'allattamento al seno durante il conflitto Rh. Questa domanda è molto delicata e non c'è consenso al riguardo. Prima di tutto, i medici valutano le condizioni del bambino, i possibili rischi, e dopo di ciò possono raccomandare di astenersi dall'allattamento al seno per diversi giorni fino a quando tutti gli anticorpi vengono rimossi dal corpo della madre.

Secondo altre fonti nella restrizione sull'alimentazione non è necessario. Tuttavia, tutti questi studi non sono stati ancora pienamente confermati e l'equipaggiamento delle nostre cliniche lascia molto a desiderare. Pertanto, non si dovrebbe contestare l'opinione dei medici, perché sono guidati sia dallo stato di tuo figlio sia dalle sue capacità in caso di eventuali complicazioni.

Può essere riassunto: il conflitto Rh della madre e del feto non è una frase, ed è abbastanza possibile sopportare un bambino con una diagnosi del genere. Inoltre, Rp-in la madre non significa che la gravidanza porterà a Rh-conflitto. Certamente, le conseguenze del conflitto di Rhesus possono essere molto deplorevoli, ma questo non è un motivo per disperare. Alla fine, solo lo 0,8% delle donne in gravidanza con Rp- affronta questo problema.

Il conflitto di sangue può verificarsi non solo a causa del conflitto Rh, ma anche nel gruppo sanguigno. Ma in nessun caso dovremmo parlare dell'incompatibilità dei genitori. I risultati dell'immunologia oggi sono tali che in ogni caso è del tutto possibile portare un bambino sano e forte.

Meccanismo di sviluppo dei conflitti Rhesus

Il fattore Rh è ereditato come tratto dominante, quindi Rh (-) mamma con omozigosi (DD) Rh (+) del padre - il bambino sempre Rh (+), motivo per cui il rischio di conflitto Rh è elevato. Nel caso di eterozigosi del padre (Dd), la possibilità di un bambino con rhesus positivo o negativo è la stessa.

La formazione del sangue del feto inizia con l'8a settimana di sviluppo intrauterino, in questo periodo, i globuli rossi del feto in una piccola quantità possono essere trovati nel flusso sanguigno della madre. Allo stesso tempo, l'antigene Rh fetale è estraneo al sistema immunitario Rh (-) della madre e causa sensibilizzazione (isoimmunizzazione) dell'organismo materno con la produzione di anticorpi anti-rhesus e il rischio di conflitto Rh.

Sensibilità Le donne Rh (-) durante la prima gravidanza si presentano in casi isolati e le probabilità di portarlo durante il conflitto Rh sono piuttosto elevate, poiché gli anticorpi risultanti (Ig M) hanno una piccola concentrazione, penetrano poco nella placenta e non rappresentano un serio pericolo per il feto.

La probabilità di isoimmunizzazione nel processo di consegna è maggiore, che può portare a conflitti con Rh durante le gravidanze successive. Ciò è dovuto alla formazione di una popolazione di cellule a vita lunga della memoria immunitaria e nella prossima gravidanza, a seguito di ripetuti contatti con anche una piccola quantità di antigene Rh (non più di 0,1 ml), viene rilasciata una grande quantità di anticorpi specifici (IgG).

A causa delle piccole dimensioni, le IgG sono in grado di penetrare nel flusso sanguigno fetale attraverso la barriera emato-placentare, causare emolisi intravascolare degli eritrociti Rh (+) del bambino e inibire il processo di formazione del sangue. Come risultato del conflitto Rhesus, si sviluppa una grave condizione di pericolo per la vita del futuro bambino - una malattia emolitica del feto, caratterizzata da anemia, ipossia e acidosi. È accompagnato da una lesione e da un eccessivo allargamento degli organi: fegato, milza, cervello, cuore e reni, danno tossico al sistema nervoso centrale del bambino - "encefalopatia da bilirubina". Senza misure tempestive adottate per prevenire il Rh-conflitto può portare alla morte del feto, aborto spontaneo, natimortalità, o la nascita di un bambino con varie forme di malattia emolitica.

Diagnosi di rhesus - conflitto

La diagnosi di Rh-conflitto inizia con la definizione di affiliazione Rh di una donna e suo marito (preferibilmente anche prima della prima gravidanza o al più presto della sua gravidanza). Se la futura madre e il padre hanno un rhesus negativo, non è necessario un ulteriore esame.

Для прогноза резус-конфликта у Rh (-) женщин важными являются данные о проводимых в прошлом переливаниях крови без учета Rh-принадлежности, предыдущих беременностях и их исходах (наличие самопроизвольного выкидыша, медаборта, внутриутробной гибели плода, рождения ребенка с гемолитической болезнью), которые могут указывать на возможную изоиммунизацию.

La diagnosi di Rh-conflitto include la determinazione del titolo e della classe di anticorpi antitetici nel sangue, che viene eseguita durante la prima gravidanza per le donne che non sono sensibilizzate per Rh - ogni 2 mesi, sensibilizzate - fino a 32 settimane di gestazione ogni mese, da 32-35 settimane - ogni 2 settimane, da 35 settimane - settimanale. Poiché non vi è alcuna dipendenza diretta del grado di danno al feto sul titolo degli anticorpi anti-rhesus, questa analisi non fornisce un'immagine precisa dello stato del feto durante il conflitto Rh.

Per monitorare la condizione del feto, viene effettuata una ecografia (4 volte dalla 20a alla 36a settimana di gestazione e poco prima della nascita), permettendo di osservare le dinamiche della sua crescita e sviluppo. Al fine di predire il conflitto Rh mediante ultrasuoni, vengono valutate la dimensione della placenta, le dimensioni dell'addome del feto (inclusi fegato e milza), viene rilevata la presenza di polidramnios, ascite e vene ombelicali dilatate.

L'elettrocardiografia conduttiva (ECG), la fonocardiografia fetale (PCG) e la cardiotocografia (CTG) consentono al ginecologo che esegue la gestione della gravidanza di determinare il grado di ipossia fetale durante il conflitto rhesus. Dati importanti sono dati dalla diagnosi prenatale del conflitto Rh mediante metodi di amniocentesi (test del liquido amniotico) o cordocentesi (test del sangue del cordone ombelicale) nel tempo sotto controllo ecografico. L'amniocentesi viene effettuata dalla 34a alla 36a settimana di gravidanza: nel liquido amniotico vengono determinati il ​​titolo degli anticorpi anti-rhesus, il sesso del nascituro, la densità ottica della bilirubina, il grado di maturità dei polmoni fetali.

Determinare con precisione la gravità dell'anemia nel conflitto Rh consente la cordocentesi, che aiuta a determinare il gruppo sanguigno del feto nel sangue del cordone ombelicale e il fattore Rh, i livelli di emoglobina, la bilirubina, la proteina del siero, l'ematocrito, il conteggio dei reticolociti, gli anticorpi fissati sugli eritrociti fetali, i gas del sangue.

Pin
Send
Share
Send
Send

lehighvalleylittleones-com